sabato 4 maggio 2013

Ipotetico.

Ho messo via i tuoi regali, sembravano nell'ordine  avere la pretesa d'imporsi alla dimenticanza, all'indifferenza: (le fiamme turbolente di Raimo fanno male se scritte accanto al tuo nome. Pronunciarlo, ora, sarebbe troppo.)
La Luna si allontana ogni anno di più, deviata nell'ellissi dalla vicinanza delle maree - mi dice.
Come me e te, vicini, per traiettorie di fuochi equidistanti dalla felicità.

2 commenti: