venerdì 20 maggio 2011

Nodi di fer nemico e non d'amante..

Assistiamo distesi alla liquida trasformazione dei contorni del cielo, alla violazione disorganizzata della rabbia.
Ti rifiuti ancora di aiutarmi a cercare il senso di questo ostinato scrivere le nostre mancate compiutezze d’ascolto, la bellezza di una spezzatura di sillabe e di suoni.
Fallito è forse il progetto di trattenerti, di riscattarti nella tua pensosa autenticità -  mi dici ti dico – mentre accompagni con le dita i percorsi ancora bui del silenzio.
(Poetico non è forse un messaggio appuntato su vecchi libri di storia? )
“ Tienimi lontana, se puoi, dai finali di Sanguineti 

6 commenti:

  1. ma se sono i più belli!

    lil

    RispondiElimina
  2. mi viene in mente un suo testo in cui le dita e lo sguardo scorrevano su un percorso di alienazione e lo smarrimento. Diabolico Sanguineti ;)

    RispondiElimina
  3. i più belli, vero, ma anche i più terribili.. :)

    RispondiElimina
  4. stavo per scriverlo: meglio un finale bello e terribile o brutto e rassicurante? non si potrebbe un po' e un po'? :)

    RispondiElimina
  5. solchi, pesanti e dimenticati, eterni, forse solo per alcuni istanti. matite, ricordi?

    RispondiElimina