domenica 9 maggio 2010

Fotografia.

Dovrò rendere a te le spiegazioni della fine. Di specchi nutri le tue luci e mi chiedi di guardarti quasi sapessi in cuor tuo che solo di riflesso è svelato il mio sorriso. Non sarà l’attesa a riempire i passi che segui come tracce distratte, non sarà l’incenso nella stanza a nascondere le spezie che addosso sento di cercarti. E se solo tardasse ancora la luna, se solo il fuoco si spegnesse in fretta riusciremmo ad esprimere desideri nell’ultimo cielo cadente di maggio. Ma mi sfiori ( immagino immagina ) con la piuma del cappello e continui a scrivere dei tuoi – dei miei - sogni mancati.

Lui : La chat ha dei problemi..

Io: La felicità anche.




7 commenti:

  1. Dei passi e dei veloci attimi della vita parla questa tua riflessione. :) e mi fa venire in mente un pezzettino di poesia:
    "… più breve respira il tempo
    nel grembo dei senzatempo.
    Arie vuote strisciano
    e non raggiungono la fine,
    e un punto diventa la mia danza
    nella cecità".
    Fluttuante come me e come le ultime stelle!

    RispondiElimina
  2. la felicità non sa chattare benissimo ...

    RispondiElimina
  3. denuncio tele due per danni u-morali :)

    RispondiElimina
  4. bellissima... soprattutto la chiusura!

    RispondiElimina
  5. Ho letto un po di cose: scrivi molto bene...

    A presto.

    RispondiElimina
  6. grazie.. è un piacere!

    a presto!

    RispondiElimina