lunedì 7 settembre 2009

A due L ( e vi ringrazio.)

Lo sguardo delle serrande chiuse , visione da quarta prima fila del mondo. La strada che dritta porta alla tua casa, giri di vento attorno alle frasi che su di un biglietto t’ho scritto.

E bussare non si può, alle volte, alle parole che non dico non dici. Poi è tardi, penso, per pretenderlo, un silenzio.

“Non sempre ciò che amiamo è quello per cui siamo portati” - ricordo, aspettando l’inverno.

4 commenti:

  1. L2 ringrazia ;) e ti augura il buongiorno :)

    RispondiElimina
  2. come direbbe la poetessa :
    Rosario Castellanos, poetessa messicana 1925- 1974.
    --------------
    Destino

    Uccidiamo quel che amiamo. Il resto
    non é stato vivo mai.
    Nessuno é cosi vicino. Nessun altro é ferito
    da un oblio, da un'essenza, a volte da meno.

    Uccidiamo quel che amiamo. Finisca ormai questa asfissia
    di respirare con un polmone altrui!
    L'aria non basta
    per entrambi. E non basta la terra
    per i corpi uniti
    e la razione della speranza é poca
    e il dolore non si può spartire.

    É l'uomo un animale di solitudini,
    cervo con una freccia nel fianco
    che fugge e perde sangue.

    Ah, ma l'odio, la sua fissità insonne
    dalle pupille di vetro; il suo modo d'essere
    che al tempo stesso è riposo e minaccia.

    Il cervo va a bere e nell'acqua appare
    il riflesso di una tigre.

    Beve il cervo l'acqua e l'immagine. Diventa
    —prima che lo divorino— (complice, affascinato)
    uguale al suo nemico.

    Diamo la vita solo a quel che odiamo.

    RispondiElimina
  3. “Non sempre ciò che amiamo è quello per cui siamo portati”
    è difficile accettarlo però...

    RispondiElimina
  4. @ giardigno 65: terrbili, i tuoi versi..nell'accezione più grande e più profonda del termine.. e quei primi quattro versi che non riesco ad interpretare se non acrivendoli all'interno dell'incomprensibile - e per me anche in-credibile - destino..
    Ad ogni modo, grazie.

    @ l'ApeRegina: concordo, è difficile, così come è difficile ammettere di Amarla, qualcosa, qualsiasi cosa.. una responsabilità grande abbastanza da meritare questo destino ( ritornando ai versi ).. chissà.

    RispondiElimina