venerdì 26 giugno 2009

Una Grigia Conversazione sull'Inizio dell'Estate.


Una foto di te.. quando non c’eri. Un ricordo di quello che non sapevo, non immaginavo.

Ed i discorsi s’attorcigliano intorno a quello che non è accaduto, quello che è mancato, perché è sempre qualcosa che manca a rovinare tutto, mai il tanto che siamo, mai il troppo che amiamo, mai..

Non era forse così grande il desiderio di conoscerti, stasera, il mio volerti parlare in quella foto un po’ strana in cui tu chissà cosa pensavi, per far sì che accadesse, che fosse vero, che non ridessero di me loro che m’hanno visto delusa- del maltempo, dicevano – guardare la luna.

Ti ostini a scattare una foto di noi, ora che ci conosciamo. Ora che non ci pensiamo.

Piove ancora. Chiamala pure: una grigia conversazione sull’inizio dell’estate.


3 commenti:

  1. a volte le foto son tutto quel che ci resta (quasi una prova) di quel c'è stato ma anche di quel che avrebbe potuto essere...

    per qualcuno (gli scrittori in particolare) le foto sono quasi meglio dei fatti ;-)

    ma quanto a me, se permetti, a guardarti in foto preferisco sempre abbracciarti :-)

    perchè sei morbida...

    lillo

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio :-) leggerò qualcosa di tuo con piacere adesso... se non ti dispiace!

    RispondiElimina